Salta il menu e vai al contenuto di pagina

Gentile utente,

ci dispiace ma al momento il prodotto che stai cercando non è disponibile.

Scopri le altre offerte

Disposizioni a favore delle popolazioni colpite dalle alluvioni del mese di maggio 2023

Delibera 565/2023/R/com ARERA https://www.arera.it/atti-e-provvedimenti/dettaglio/23/565-23

Chi sono i beneficiari?

I titolari di forniture di energia elettrica e gas naturale attive alla data del 1 maggio 2023 nei Comuni o nelle frazioni di Comuni di cui all’allegato 1 al decreto-legge 61/23.

Quali sono le agevolazioni previste?

Agevolazioni tariffarie

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha previsto per i clienti la possibilità di beneficiare di agevolazioni tariffarie per le forniture di energia elettrica e gas naturale danneggiate a seguito degli eventi meteorologici di maggio 2023.

Le agevolazioni - riguardanti le fatture emesse o ancora da emettere riferite ai mesi di maggio, giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre 2023 - si applicheranno solo in seguito a specifica richiesta inviata dai soggetti titolari di forniture colpite dagli eventi alluvionali.

Le agevolazioni tariffarie si applicano alle voci della bolletta “Spesa per il trasporto e la gestione del contatore” e “Spesa per oneri di sistema” e prevedono l’azzeramento delle tariffe di distribuzione e degli oneri generali di sistema, nonché l’annullamento dei contributi una tantum pervisti in caso di attivazioni, disattivazioni, riattivazioni e volture.

La richiesta di agevolazione comporterà la sospensione dei termini di pagamento delle fatture o dei piani rateali non ancora pagati afferenti al periodo 1 maggio 2023 – 31 ottobre 2023, fino all’emissione della fattura che contabilizzerà le agevolazioni tariffarie previste.
Gli importi dovuti e non ancora pagati saranno a loro volta rateizzati.

Qualora l’istanza per usufruire delle agevolazioni pervenisse successivamente al completo pagamento del piano di rateizzazione, oppure qualora il numero di rate restanti non fosse sufficiente a garantire il riconoscimento delle agevolazioni spettanti, gli importi relativi alle agevolazioni verranno riconosciuti nell’ambito della fatturazione ordinaria, a partire dalla prima fattura utile.

Per richiedere l’applicazione delle agevolazioni tariffarie, il cliente dovrà far pervenire a Plenitude una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante:

  • in caso di utenza domestica, che questa sia asservita ad un’abitazione risultata compromessa nella sua integrità funzionale, sulla base di un’ordinanza di sgombero o di un ordine di evacuazione o di idonea documentazione rilasciata dal Comune territorialmente competente;
  • in caso di utenza non domestica, che questa sia asservita ad una sede che sia risultata compromessa nella sua integrità funzionale sulla base di una perizia asseverata o giurata, con riferimento a danni tali da rendere necessaria la ricostruzione dell’immobile e/o la sua delocalizzazione, anche temporanea.

Nella sezione Allegati al fondo di questa pagina è presente all’Allegato 2 il modello di Dichiarazione sostitutiva di atto notorio.

La dichiarazione dovrà essere compilata in ogni sua parte, firmata e corredata di copia di documento di riconoscimento ed inoltrata secondo una delle seguenti modalità sotto riportate:

  • via web: allegandola sul portale Eni Plenitude al seguente indirizzo https://eniplenitude.com/scrivici selezionando le seguenti voci: Devo inviare dei documenti/ Bolletta/ Agevolazioni tariffarie alluvionati Emilia Romagna
  • via Posta: scrivendo all’indirizzo Eni Plenitude S.p.A. Società Benefit – Casella Postale 71 - 20068 Peschiera Borromeo (MI) 

Per ogni ulteriore chiarimento è possibile contattare il Servizio Clienti Eni Plenitude ai numeri:

  • 800.900.700 per chiamate da rete fissa
  • 02.444141 per chiamate da rete mobile

Gentile utente,

sembra che tu stia navigando il nostro sito da Internet Explorer. Il portale Plenitude non è però ottimizzato per questo browser, che è stato recentemente dismesso. Per un'esperienza di navigazione migliore puoi provare a utilizzare un altro browser, ad esempio Google Chrome, Edge, Safari o Mozilla.