Salta il menu e vai al contenuto di pagina
Accendi subito
la nostra migliore energia per la tua casa.
Trend Casa
Con Trend Casa luce e/o gas hai NESCAFÉ® Dolce Gusto
Energia + Fastweb casa
Energia, velocità e affidabilità.
Crea il clima ideale
con le nostre offerte dedicate al comfort della tua casa.
Caldaia
Cessione del credito al 65% e sconto efficienza.
Climatizzatore
Cessione al 65% e temperatura ideale tutto l’anno.
L’offerta di Plenitude
Per l'efficienza energetica.
Ecobonus 50%
Approfitta dell'incentivo fiscale.
Emobility
Fai il pieno di energia per la tua auto ovunque
Cappottomio
Riduci sprechi e consumi del tuo condominio.
Vuoi anche Internet?
Con Fastweb ti offriamo tutto in un’unica soluzione.
Energia +
FASTWEB
Energia, velocità e affidabilità.
Scopri un’energia nuova
con le nostre soluzioni vantaggiose per te e per l’ambiente.
Fotovoltaico
L’energia è in evoluzione.
Energia Consapevole
Consigli e metodi utili.
Siamo al tuo fianco
per offrirti il supporto di cui hai bisogno, scegli tu come.
Assistenza
Tutti i servizi per gestire in autonomia il tuo cont
Truffe
Scopri con Spotlight come evitarle.
Negozi
Vieni a trovarci allo Store più vicino a te.

Gentile utente,

ci dispiace ma al momento il prodotto che stai cercando non è disponibile.

Scopri le altre offerte

Bonus sociale per la fornitura di luce e gas

Con la Legge di Bilancio del 2022 (Legge 30 dicembre 2021, n. 234) il Governo ha confermato il fondo di risorse economiche nato nel 2021 per l’erogazione dei bonus sociali.

Il bonus luce e il bonus gas sono resi operativi da ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Questi riconoscimenti sono destinati agli utenti che versano in condizione di disagio economico e/o fisico, con lo scopo di assicurare loro un risparmio sulla spesa dell'energia e del gas naturale. 

A chi spetta il bonus sociale?

Le agevolazioni in bolletta dei bonus sono riconosciute in automatico agli utenti che, presentando la DSU (Dichiarazione sostitutiva unica) per l'Isee all'INPS, risulteranno aventi diritto al bonus sociale.

Vediamo più nello specifico come funziona questa misura.

Come calcolare il bonus sociale 2022?

L’importo esatto del bonus sociale luce e gas non è calcolabile in maniera esatta, perché la cifra ad esso associata viene determinata e aggiornata da Arera e varia a seconda di determinati fattori. Per esempio per il bonus gas varia in base a:

  • la zona climatica dove si trova il punto di fornitura;
  • la categoria d'uso della fornitura di gas;
  • il numero dei componenti della famiglia anagrafica che hanno la stessa residenza.

L’importo non è fisso neanche quando si tratta del bonus per disagio fisico. Infatti, ci sono tre diverse fasce di rimborso, vengono decisi in base alla certificazione della ASL che traccia il tempo medio impiegato per l’utilizzo delle macchine mediche.

Si può fare una simulazione dell’importo del bonus per il disagio fisico ha nella pagina dedicata del portale SGAte.

Come funziona il bonus per l’energia elettrica

Gli utenti che hanno diritto allo sconto previsto dal bonus sull’elettricità sono:

  • le famiglie in condizione di disagio economico e le famiglie numerose;
  • le persone affette da grave malattia o coloro che assistono nella propria abitazione persone affette da grave malattia ovvero da disagio fisico.

Infatti, esistono due tipologie di bonus:

  1. ll bonus per DISAGIO ECONOMICO, viene attivato automaticamente sulla base dell’attestazione ISEE, da presentare annualmente, nel caso in cui l’ISEE rientri in determinate soglie. Quindi non è più necessario farne specifica richiesta al proprio Comune di residenza.

  2. Il bonus per DISAGIO FISICO per ora non si attiva automaticamente, pertanto i soggetti che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali per la loro sopravvivenza dovranno continuare a farne richiesta presso i Comuni o i CAF abilitati.

Per maggiori informazioni sulle condizioni di ottenimento del bonus, sulle sue caratteristiche e sugli importi, consulta il sito di ARERA ai seguenti link:

Come viene erogato il bonus per disagio economico

Il fornitore di energia elettrica riceve dall’Acquirente Unico, sulla base di quanto accertato dall’INPS, le informazioni relative all’ammontare del bonus e al periodo di validità: l’ammontare sarà corrisposto in bolletta, in rate mensili, come compensazione sulla spesa per l’energia elettrica. Ogni bolletta riporta le quote mensili relative al periodo di fatturazione. Il bonus è inserito nella prima bolletta utile successiva all’erogazione del bonus dalla società di distribuzione alla società di vendita.

A seguito di attribuzione del bonus, in bolletta viene inserita un'apposita comunicazione e l’importo è esposto nella sintesi degli importi fatturati in bolletta con la dicitura “Bonus Sociale”.

La compensazione è riconosciuta qualora:

  • Il cittadino/nucleo familiare risulti in condizione di disagio economico; ossia deve:
    • appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro, oppure
    • appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure
    • appartenere ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Per l'anno 2022 il valore soglia dell'ISEE di accesso alle agevolazioni è stato elevato a 12.000 euro.

  • uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve risultare intestatario di un contratto di fornitura attivo con tariffa per usi domestici (ossia la fornitura deve servire locali adibiti ad abitazioni a carattere familiare)

Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per anno di competenza.

Se si vuole avere un quadro generale sul bonus elettrico per disagio economico, vi consigliamo di visitare questa pagina.

Come viene erogato il bonus per disagio fisico

Il fornitore di energia elettrica riceve dalla Società di distribuzione l’ammontare del bonus fisico da erogare, sulla base delle condizioni espresse nella richiesta di bonus ed accertate. Ogni bolletta riporta le quote mensili relative al periodo di fatturazione. Il bonus luce è inserito nella prima bolletta utile successiva all’erogazione del bonus dalla società di distribuzione alla società di vendita.

A seguito di attribuzione del bonus, in bolletta viene inserita un'apposita comunicazione e l’importo è esposto nella sintesi degli importi fatturati in bolletta con la dicitura “Bonus Sociale”.
La compensazione è riconosciuta ai clienti domestici affetti da grave malattia o ai clienti domestici che assistono nella propria abitazione persone affette da grave malattia ovvero da disagio fisico, costrette ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.

Il bonus per disagio fisico è cumulabile con quello per disagio economico qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.

Il bonus per il disagio fisico esula dall’ISEE, ma bisogna farne richiesta presentando un idoneo certificato della ASL che attesti:

  • la patologia della persona per cui sono necessarie le apparecchiature;
  • la tipologia di apparecchiature utilizzate;
  • l’indirizzo in cui si trova il soggetto in condizioni di disagio fisico;
  • la data di inizio utilizzo delle apparecchiature mediche.

Il bonus per disagio fisico non deve essere rinnovato, ma viene erogato fino al cessato uso delle apparecchiature elettromedicali. Il cliente che cessa l’utilizzo delle suddette apparecchiature è tenuto ad informare prontamente il proprio venditore di energia elettrica, poiché il cessato uso comporta la cessazione del bonus. Se il cliente non informa il proprio venditore del cessato uso delle apparecchiature e continua a percepire il bonus senza averne titolo può essere richiesta la restituzione delle somme indebitamente percepite.

Come si può verificare l’avanzamento della pratica di bonus per disagio fisico

Lo stato di avanzamento della propria richiesta di bonus può essere verificato:

  • presso l'Ente dove è stata presentata la richiesta con la ricevuta rilasciata alla consegna della domanda;
  • chiamando il numero verde 800.166.654 e fornendo il codice fiscale o il numero identificativo della richiesta;
  • collegandosi al sito www.bonusenergia.anci.it entrando nella sezione riservata "Controlla on line la tua pratica" e inserendo il proprio codice fiscale e le credenziali di accesso. Le credenziali (User ID e password) vengono rilasciate dal Comune o dal CAF presso cui si è presentata la richiesta per il bonus.

Come funziona il bonus per la fornitura di gas naturale

Anche per il bonus sociale per il gas parliamo di uno sconto in bolletta, introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità di Regolazione per Energia reti e Ambienti (ARERA) per assicurare un risparmio alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose.

Da gennaio 2021 lo sconto è attivato automaticamente sulla base dell’attestazione ISEE, da presentare annualmente, quindi non è più necessario farne specifica richiesta al proprio comune di residenza. Il bonus sociale è previsto esclusivamente per le forniture di gas metano naturale distribuito tramite rete di distribuzione locale e non per il gas in bombola o per il GPL.

A seguito di attribuzione del bonus, in bolletta viene inserita un'apposita comunicazione e l’importo è esposto nella sintesi degli importi fatturati in bolletta con la dicitura “Bonus Sociale”.

La compensazione è riconosciuta qualora:

  • Il cittadino/nucleo familiare risulti in condizione di disagio economico; ossia deve:
    • appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro, oppure
    • appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure
    • appartenere ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Per l'anno 2022 il valore soglia dell'ISEE di accesso alle agevolazioni è stato elevato a 12.000 euro.

  • uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve risultare intestatario di un contratto di fornitura attivo con tariffa per usi domestici (ossia la fornitura deve servire locali adibiti ad abitazioni a carattere familiare)

Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per anno di competenza.

La compensazione è riconosciuta sia ai clienti che hanno stipulato un contratto di fornitura individuale definiti clienti domestici diretti, sia ai clienti che utilizzano impianti condominiali definiti clienti domestici indiretti, in particolare:

  • il cliente diretto è un cliente titolare, in qualità di persona fisica, di un contratto di fornitura in un punto di riconsegna che utilizza il gas naturale in abitazioni a carattere familiare (fornitura individuale);
  • il cliente indiretto è il cliente non direttamente titolare di un contratto di fornitura che utilizza il gas naturale per i propri usi domestici attraverso un impianto di tipo condominiale (fornitura centralizzata). Il titolare della fornitura centralizzata può essere sia una persona fisica o anche una persona giuridica (il condominio).

Come viene erogato il bonus al cliente domestico diretto

Il fornitore di gas riceve dall’Acquirente Unico, sulla base di quanto comunicato dall’INPS, le informazioni relative all’ammontare del bonus e al periodo di validità: questo verrà corrisposto in bolletta, in rate mensili, come compensazione sulla spesa per il gas.

Ogni bolletta riporta le quote mensili relative al periodo di fatturazione. Il bonus è inserito nella prima bolletta utile successiva all’erogazione del bonus dalla società di distribuzione alla società di vendita.

A seguito di attribuzione del bonus, in bolletta viene inserita un'apposita comunicazione e l’importo è esposto nella sintesi degli importi fatturati in bolletta con la dicitura “Bonus Sociale”.

Come viene erogato il bonus al cliente domestico indiretto

L’erogazione al cliente indiretto non è automatica, ma soggetta ad una verifica da parte di Acquirente Unico, a cui farà seguito un’apposita comunicazione contenente tutte le informazioni utili all’ottenimento dell’agevolazione.

In caso di esito positivo di tali verifiche, il bonus verrà erogato attraverso la corresponsione di un contributo una tantum, tramite bonifico domiciliato intestato al dichiarante la DSU (beneficiario). Le modalità per riscuotere il bonifico, presso un qualunque ufficio postale, saranno inviate da Acquirente Unico contestualmente alla comunicazione di ammissione al bonus.

Quali sono le novità dei bonus sociali nel 2022

L’ISEE previsto per i bonus sociali riconosciuti per disagio economico non è più di 8.265€, ma la soglia è stata alzata a 12.000€ dal decreto legge del 21 marzo. Per chi ha almeno 4 figli a carico la soglia dell’ISEE massima a 20.000€ annui.

Con il decreto legge 80-2022 il Governo ha previsto che gli sconti per i titolari di bonus sociali saranno riconosciuti in modo retroattivo. Quindi, chi ha presentato l’ISEE ma ha pagato somme eccedenti a quelle realmente dovute, avrà una compensazione automatica nelle bollette successive. La compensazione, come l’eventuale rimborso in caso di cessazione del contratto, vengono eseguiti entro il 31 dicembre 2022.

Per il quarto trimestre del 2022 oltre al bonus ordinario sarà erogato in automatico anche un bonus aggiuntivo definito Compensazione integrativa temporanea o CCI. Il bonus non sarà uguale per tutti ma cambierà in base a diversi fattori, consultabili sul sito di ARERA. Per ulteriori informazioni è possibile:

Gentile utente,

sembra che tu stia navigando il nostro sito da Internet Explorer. Il portale Plenitude non è però ottimizzato per questo browser, che è stato recentemente dismesso. Per un'esperienza di navigazione migliore puoi provare a utilizzare un altro browser, ad esempio Google Chrome, Edge, Safari o Mozilla.