Salta il menu e vai al contenuto di pagina

Gentile utente,

ci dispiace ma al momento il prodotto che stai cercando non è disponibile.

Scopri le altre offerte

REDDITO ENERGETICO

Approfitta del Reddito Energetico e passa al fotovoltaico.

Se hai i requisiti previsti per accedere al Reddito Energetico, puoi approfittare dell’incentivo fino a 11.000€ per avere anche tu un nuovo impianto fotovoltaico in assetto di autoconsumo.

Contributo soggetto a condizioni e limitazioni secondo quanto previsto dal decreto MASE 08/08/2023 (vedi FAQ in calce). L'impianto in assetto di autoconsumo non è dotato di batteria di accumulo.
Contributo soggetto a condizioni e limitazioni secondo quanto previsto dal decreto MASE 08/08/2023 (vedi FAQ in calce).  L'impianto in assetto di autoconsumo non è dotato di batteria di accumulo.

Reddito Energetico

Il Reddito Energetico in sintesi

Se sei interessato ad aderire al Bando puoi lasciarci un recapito e ti ricontatteremo per fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno per richiedere il Bonus Reddito Energetico.

Destinatari

Nuclei familiari con ISEE inferiore a 15.000€ oppure 30.000€ con 4 figli a carico¹ che acquistino un impianto fotovoltaico in assetto di autoconsumo con inclusi i servizi di polizza multirischio, manutenzione e monitoraggio per 10 anni.

Contributo previsto

L’impianto deve avere una potenza nominale non inferiore a 2 kW e non superiore ai 6 kw.
Il contributo prevede una Quota fissa di 2.000€ più una quota variabile di 1.500€ per ogni kW di potenza installata².

Servizi inclusi

Polizza multi-rischi, manutenzione e monitoraggio delle performance per 10 anni previste per legge³.

L’energia del sole conviene di più grazie al Bonus Reddito Energetico.

Il Bonus Reddito Energetico è destinato alle famiglie a basso reddito residenti su tutto il territorio italiano. Il bonus permette ai beneficiari di ottenere un nuovo impianto fotovoltaico domestico grazie al Fondo per il Reddito Energetico, che si occupa di pagare il servizio direttamente al produttore.
Il nucleo familiare beneficiario potrà utilizzare l’energia prodotta per il suo autoconsumo, mentre la quota eccedente sarà resa disponibile per 20 anni al GSE (Gestore dei Servizi Energetici) che la utilizzerà a sua volta per finanziare il Fondo, senza alcuna remunerazione economica per il beneficiario.

Perché scegliere Plenitude con il Fondo Reddito Energetico.

Affidati a Plenitude e accedi al  contributo del Fondo Reddito Energetico per il tuo nuovo impianto fotovoltaico. Pensiamo a tutto noi, dal supporto per la verifica dei requisiti per ottenere l’incentivo fino alla progettazione, installazione e collaudo dei pannelli. I nostri esperti saranno al tuo fianco in tutte le fasi della tua transizione energetica.
In più, passando al fotovoltaico puoi ridurre i consumi fino al 50%⁴ con un significativo risparmio in bolletta.

I nostri esperti sono al tuo fianco
Approfitta del contributo fino a 11.000€ e prenotati subito per essere ricontattato.
Per saperne di più

Il Reddito Energetico Fotovoltaico è un contributo in conto capitale previsto dal decreto MASE del 08/08/2023 con l’obiettivo di incentivare la transizione energetica dei nuclei familiari a basso reddito.
Le risorse stanziate ammontano a 200 milioni di euro da suddividere nelle annualità 2024 e 2025, con 80 milioni di euro l’anno alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia e 20 milioni di euro alle restanti Regioni o Province Autonome.
Il bonus può essere utilizzato per l’acquisto di un impianto fotovoltaico in assetto di autoconsumo (senza batteria di accumulo) con i seguenti servizi previsti per legge per una durata non inferiore a 10 anni:

  • polizza multirischio
  • servizio di manutenzione
  • servizio di monitoraggio delle performance dell’impianto.

I costi ammissibili sono riconosciuti direttamente al soggetto realizzatore da parte del GSE, entro i limiti massimi stabiliti:

L’energia elettrica oggetto di autoconsumo fisico rimane nella disponibilità del soggetto beneficiario, mentre l’energia elettrica non auto consumata viene ritirata, per una durata di venti anni, da parte del GSE in modo da alimentare le risorse del Fondo per il Reddito Energetico, senza alcuna remunerazione economica per il beneficiario.

Possono accedere al Bonus Reddito Energetico esclusivamente le persone fisiche appartenenti a nuclei familiari in condizione di disagio economico, ovvero con:

  • ISEE inferiore a 15.000€
  • ISEE  inferiore a 30.000€ con almeno quattro figli a carico.

Il beneficiario può richiedere l’agevolazione per la sua abitazione di residenza, un immobile accatastato nel gruppo A (risultano escluse le categorie A1, A8, A9 e A10) sul quale detiene un titolo di proprietà o diritto reale con una fornitura di energia elettrica attiva con qualsiasi fornitore al momento della richiesta.

L’impianto fotovoltaico installato deve rispettare i requisiti tecnici definiti nell’ambito del regolamento del fondo, dunque avere una potenza nominale che non sia inferiore ai 2 kW e non maggiore ai 6kW, e comunque di potenza non superiore alla potenza disponibile in prelievo sul punto di connessione al momento della presentazione dell’istanza di accesso alle agevolazioni.
Deve produrre energia elettrica in assetto di autoconsumo e di conseguenza non avere associata alcuna batteria di accumulo.
L’impianto deve essere, inoltre, installato su edifici, coperture e/o pertinenze di unità immobiliari che non siano accatastate nelle categorie A1, A8, A9 e A10.

Ogni soggetto può presentare una sola istanza di agevolazione tramite l’apposita piattaforma messa a disposizione dal GSE e può beneficiare dell’agevolazione una sola volta. Le domande saranno esaminate secondo l’ordine cronologico di presentazione.
Lasciaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno per richiedere il Bonus Reddito Energetico.

¹ Le risorse stanziate nel corso delle annualità 2024/2025 sono pari a 200 milioni di euro totali, da suddividere in 80 milioni di euro l’anno alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia e 20 milioni di euro alle restanti Regioni o Province Autonome.  

² Il contributo economico previsto dal Reddito Energetico Fotovoltaico è soggetto a variazioni e limitazioni previste dal decreto MASE 08/08/2023 indipendenti da Eni Plenitude SpA e Plenitude Energy Services SpA, che non ne sono quindi in alcun modo responsabili.

³ La sottoscrizione dei servizi di polizza multirischio, manutenzione e monitoraggio costituisce un requisito obbligatorio per poter accedere al beneficio previsto per legge.

⁴ La riduzione dei consumi in bolletta pari al 50% è da intendersi come riduzione teorica in bolletta dei consumi di energia prelevata dalla rete elettrica nell'anno solare di riferimento, per un utente dotato di impianto fotovoltaico, rispetto a quelli che si avrebbero in assenza del succitato sistema. Tale riduzione si verifica in corrispondenza di un prelievo di energia elettrica direttamente dall'impianto fotovoltaico nelle ore di produzione di energia.

Gentile utente,

sembra che tu stia navigando il nostro sito da Internet Explorer. Il portale Plenitude non è però ottimizzato per questo browser, che è stato recentemente dismesso. Per un'esperienza di navigazione migliore puoi provare a utilizzare un altro browser, ad esempio Google Chrome, Edge, Safari o Mozilla.